ULS SINDIA - Ufìtziu Limba Sarda de su Comune de Sindìa (NU)

Cunferentzia Regionale subra sa Limba Sarda

Cunferentzia ammaniada dae sa Regione Sarda subra de sa Limba Sarda in Macumere dae chenabura su 28 a dominiga su 30 de su mese de sant’Andria.

 

S’at a tenner dae chenabura 28 a dominiga 30 de su mese de sant’Andria, sa Cunferentzia subra de sa Limba Sarda. Ant a intervenner autoridades politicas e istudiosos de sas minorias limbisticas de s’Europa. Tres dies de mannu importu.

 

 

Iscariga su programma e sa locandina in su formadu pdf

 

sa locandina.pdf

su programma.pdf

 

 

Dae su zassu internet de sa Regione Sarda.

 

Presentata la Conferenza regionale della lingua sarda

Si terrà a Macomer, dal 28 al 30 novembre 2008, la conferenza sul sardo promossa dalla Regione, che quest’anno affronterà in particolare il tema della diversità delle lingue in Europa, in Italia e in Sardegna, e delle azioni politiche necessarie per la loro tutela. Sarà anche approfondita la situazione socio-linguistica nell’isola e le proposte di standardizzazione amministrativa per la “limba comuna”.

 

 

CAGLIARI, 18 NOVEMBRE 2008 – È stata presentata dall’assessore Maria Antonietta Mongiu la Conferenza regionale della lingua sarda che si terrà a Macomer dal 28 al 30 novembre 2008. “La Regione sta reindirizzando il tema della lingua nella sua complessità per promuoverne la dimensione veicolare, approfondire gli studi e rendergli l’autorevolezza che spesso è stata negata”, ha sottolineato l’assessore Mongiu specificando che la Conferenza regionale trascenderà dal localismo e affronterà invece il tema in una prospettiva europea.

La diversità delle lingue in Europa, Italia e Sardegna e la azioni politiche alla base della loro tutela è infatti il taglio scelto per affrontare la questione che è particolarmente florida nell’intera Unione europea dove sono censite circa sessanta lingue minoritarie a fronte delle ventuno lingue nazionali. In Sardegna, il 68,4% della popolazione dichiara di parlare il sardo, secondo le più recenti indagini universitarie, ma appena il 15% dei bambini crescono parlando il sardo. Da qui l’azione sperimentale della Regione che introdurrà il sardo in alcune classi come lingua veicolare, e finanzierà studi sulla didattica del sardo.

Il programma della Conferenza regionale della lingua sarda approfondirà anche la situazione sociolinguistica in Sardegna; le varietà linguistiche e le proposte di standardizzazione amministrativa la limba comuna che, è stato sottolineato dall’assessore Mongiu, è “non una lingua ufficiale ma un sistema ortografico per la trascrizione degli atti amministrativi in uscita”; la politica linguistica e lo Sportello Linguistico Regionale sarà arricchito dai progetti portati avanti dalle scuole e da laboratori sui rapporti tra lingua e media, letteratura e cinema. Interverranno alla Conferenza, accanto ai colleghi delle Università e istituzioni della Sardegna, docenti delle Università di Namur, Edinburgo, Amsterdam e Barcellona, ed esperti del Centro di Studi linguistici per l’Europa dell’Istituto Culturale Ladino – Badde di Fassa; della Provincia di Bolzano; dell’Istituto per la cultura slovena – Friuli; della Federazione Rom Sinti Insieme; della Fondazione Small Codes e della Regione Friuli Venezia Giulia.

 

Cunferentzia Regionale subra sa Limba Sardaultima modifica: 2008-11-24T09:58:05+00:00da
Reposta per primo quest’articolo